Maria SS.ma Bambina

Pubblicato il

La semina del mattino
68. «Anna, si parlerà in tutta la terra della tua discendenza» (PdG, 5).
«Anna partorì e domandò alla levatrice: “Che cosa ho partorito?”. Ella rispose: “Una bambina”. Quando furono compiuti i giorni, Anna si purificò, diede poi la poppa alla bambina e le impose il nome Maria». Così il Protoevangelo di Giacomo descrive la nascita di Maria Santissima. Si tratta di un testo apocrifo, cioè non ritenuto ispirato e non annoverato nella Bibbia, ma evocativo della festa odierna della Natività di Maria sulla cui devozione ha influito. Il Signore premia la fiducia e la richiesta accorata dei genitori Gioacchino ed Anna che non avevano figli e ormai data l’età, non ne avrebbero potuti avere. Una tenera e filiale devozione alla Madonna ha segnato l’intera vita di S. Annibale. Essa si specificò in forma singolare nei riguardi di Maria Bambina, per la quale andava pazzo. In ogni Casa religiosa voleva la statua della Madonna Bambina, la festa solenne preceduta da una novena, la veglia la notte della vigilia, e la sera concludeva il tutto con la processione per tutta la casa. Era la dolce poesia del suo cuore: ne parlava con l’ingenuità di un bambino e con la sapienza dell’adulto conduceva spiritualmente i piccoli, i religiosi e le suore a visitare la neonata Maria. La notte dell’8 settembre animava la veglia per la Natività di Maria SS.ma celeste Bambinella, invitando a trasportarsi in spirito mezz’ora prima della mezzanotte attorno alla casa di S. Anna, e qui ad attendere in preghiera la nascita. Poi si entrava, si contemplava la Bambinella in fasce in braccio a sua madre e la si venerava cantando le sue lodi. Maria Bambina lo premiò apparendogli il 31 maggio 1927, il giorno prima della sua morte. P. Angelo Sardone