Il bene immenso

Pubblicato il

La semina del mattino
67. «Vi ho scritto per farvi conoscere l’affetto immenso che ho per voi» (2Cor 2,4). Una eccellente mediazione umana di relazioni e condivisione è la pratica dello scritto. Insieme con quanto viene detto, costituisce un elemento importante di comunicazione diretta e che rimane. «Ciò che ho scritto, ho scritto» disse Pilato (Gv 19,22). L’azione manuale permette di fissare pensieri e considerazioni, offrire indicazioni e percorsi, esortare e testimoniare, lasciare un segno. Mente e mani diventano un tutt’uno; il pensiero fluisce e si materializza nei caratteri convenzionali che compongono le parole ed esprimono i pensieri, i sentimenti. Il bene ed il male, l’amore e l’odio, i progetti, le esortazioni e le attestazioni di amore, passano attraverso questa mediazione. Era grande, immenso l’affetto che l’apostolo Paolo nutriva nei confronti dei cristiani da lui evangelizzati e formati. Per questo o prima o dopo le sue visite, indirizzava loro delle lettere nelle quali oltre l’altissimo contenuto teologico, riversava la ricchezza dei suoi sentimenti. Non si trattava di convenzione, ma erano vere espressioni di trasporto umano ed affettivo avvalorato ancor di più dall’amore di Dio che sorpassa ogni conoscenza. Eppure poteva sembrare un uomo apparentemente schivo e distante. Il mio affetto sacerdotale è immenso. Il limite del pudore e della sacralità dei sentimenti, non sempre permette l’esplicitazione, con termini appropriati, della portata interiore e reale dell’affetto. I sentimenti e le parole rimangono perle preziose donate ad intenditori ed a coloro che vogliono usufruire del loro valore. P. Angelo Sardone