Il profeta sentinella

Pubblicato il

23ª domenica T.O. Il profeta è posto come sentinella per Israele col compito di trasmettere quanto sentito dalla bocca di Dio. La sua salvezza è legata alla comunicazione: se non lo fa ed il malvagio muore, ne è responsabile. Se lo fa e lui non desiste è fuori di ogni responsabilità. L’amore vicendevole è l’unico debito riservato al cristiano: chi ama, infatti, adempie la legge. La sua pienezza è la carità e tutti i comandamenti si compendiano nell’amore verso il prossimo. L’ammonizione nei confronti di chi ha commesso una colpa si dà in forma progressiva: prima da soli, poi con due o tre testimoni, infine davanti alla comunità. Se il colpevole non ascolta nessuno, deve essere ritenuto un pubblico peccatore ed un pagano. La preghiera fatta in comune ottiene da Dio qualunque cosa venga richiesta: è garantita la presenza di Cristo fra due o tre che sono riuniti nel suo nome. P. Angelo Sardone.

Pochi i padri

Pubblicato il

La semina del mattino
65. «Sono io che vi ho generato in Cristo Gesù mediante il Vangelo» (1Cor 4,15). Il rapporto tra sacerdote e fedeli è analogo a quello tra il pastore e le sue pecore, il padre ed i suoi figli. Dall’ordinazione sacerdotale consegue il compito di accompagnamento e guida nella via della fede e nella vita nello Spirito, di attenzione e cura, di vera e propria paternità. Il potere conferito da Gesù, attraverso la grazia dei Sacramenti, particolarmente la Riconciliazione, mette nelle condizioni il sacerdote di generare spiritualmente le anime. Questa verità è legata all’identità ministeriale ed alla missione affidata da Gesù sommo ed eterno sacerdote e dalla Chiesa. S. Paolo lo testimonia col suo ministero apostolico nelle prime comunità cristiane e lo conferma con una espressione di grande autorità rivolta ai Corinti: «Potreste avere anche diecimila pedagoghi in Cristo, ma non certo molti padri: sono io che vi ho generato in Cristo Gesù mediante il Vangelo». È senz’altro uno degli elementi più concreti del servizio dell’apostolo che rivendica la priorità paterna e spirituale dinanzi a cristiani orgogliosi, ondeggianti, opportunisti, facilmente adescabili dall’ultimo arrivato. Il sacerdote, ad immagine di Cristo, è trasmettitore degli stessi suoi sentimenti: sapienza, umiltà, fortezza, carità. Nella vita spirituale tanti possono essere i maestri, moltissimi i pedagoghi, a volte anche ingannevoli, ma di padri, non certo molti: sono tali coloro che generano col seme della Parola, il perdono dei peccati, la presenza costante, la cura e l’attenzione oltre il tempo e la distanza. P. Angelo Sardone