La festa eucaristica del 1° luglio

Pubblicato il

La Famiglia del Rogate (Rogazionisti, Figlie del Divino Zelo, Laici Rogazionisti) dal 1886 celebra con grande solennità la data del 1° luglio, come evento eucaristico per eccellenza della sua storia e della sua spiritualità, memoria della presenza stabile di Gesù Eucaristia nell’Opera. Così lo stesso S. Annibale delinea i suoi connotati storico-teologici che consegna alla storia ed ai suoi figli e figlie: Questa festività, è di prim’ordine in tutta la nostra Pia Opera degli Interessi del Cuore di Gesù… E’ un tributo annuo di amore e di fede, che tutta l’Opera, in tutti i singoli membri, e in tutte le sue case, dalla più grande alla più piccola, offre all’adorabile nostro Sommo Bene Gesù in Sacramento, come centro di tutti gli amori, di tutti i sacrifici, di tutte le espiazioni, di tutti i ringraziamenti, di tutte le suppliche preghiere, di tutte le pratiche di pietà e le sante speranze della Pia Opera, come sorgente di tutte le grazie, di tutte le misericordie, di tutti i celesti favori del Divin Cuore di Gesù, presenti, passati e futuri di questa Pia Opera e di quanti vi sono appartenuti, vi appartengono e vi apparterranno. E’ un debito di gratitudine per l’amorosa e dolcissima dimora di Gesù in mezzo a noi di giorno e di notte, nonostante tutte le nostre miserie e infedeltà, nonostante tante volte la languida fede, la non piena e pronta corrispondenza al suo amore alle sue aspirazione”. In questa occasione in tutte le case dei figli e figlie di S. Annibale nelle diverse parti del mondo, si vive la giornata eucaristica caratterizzata dall’adorazione personale e comunitaria per ringraziare il Signore della sua presenza nel SS.mo Sacramento dell’altare in forma stabile, come “centro amoroso, fecondo, doveroso e continuo dell’Opera“.

Rinnovo della Promessa UPV

Pubblicato il

A conclusione del cammino formativo annuale 2017-2018 che ha coinvolto i gruppi dell’Unione di Preghiera per le Vocazioni della Sicilia Orientale (Galati Mamertino, Torrenova, S. Stefano di Camastra, Reitano), si è tenuto l’Incontro Congiunto a Galati Mamertino nella parrocchia dell’Assunta e nel corso della celebrazione eucaristica nella mattinata nella chiesa del Rosario, un folto gruppo di fedeli ha rinnovato la Promessa UPV. Per la prima volta anche due persone di S. Stefano Camastra, Salvatore Maglio ed Antonella, hanno fatto la Promessa. Era presente anche fratello Antonino Drago. Si è trattato di un momento di particolare emozione che ha corredato l’intera giornata dedicata alla riflessione sui Ministeri come vocazione delle persone. La conclusione della giornata è stata caratterizzata dall’adorazione eucaristica per le vocazioni, riflettendo sulla testimonianza e l’impegno carismatico di S. Annibale M. Di Francia. Un particolare e vivo ringraziamento al gruppo UPV di Galati Mamertino per l’organizzazione dell’accoglienza e del pranzo.

GalatiUPV 2018 13GalatiUPV 2018 11GalatiUPV 2018 07GalatiUPV 2018 12GalatiUPV 2018 06GalatiUPV 2018 05GalatiUPV 2018 04GalatiUPV 2018 03GalatiUPV 2018 02GalatiUPV 2018 01GalatiUPV 2018 09GalatiUPV 2018 10GalatiUPV 2018 08 GalatiUPV 2018 07GalatiUPV2018 10GalatiUPV2018 5GalatiUPV2018 6GalatiUPV2018 4GalatiUPV2018 3GalatiUPV2018 2GalatiUPV2018 8GalatiUPV2018 9GalatiUPV2018 1GalatiUPV2018 7

Incontro congiunto dei Gruppi di UPV a Galati Mamertino

Pubblicato il

Domenica 17 giugno, si tiene a Galati Mamertino, un paesino dei Nebrodi in provincia di Messina, l’incontro congiunto dei Gruppi dell’Unione di Preghiera per le Vocazioni della Sicilia Orientale. L’incontro, guidato da P. Angelo Sardone chiude il cammino formativo di questo anno sociale 2017-2018 con la Promessa UPV. Vi partecipano i gruppi prvenienti da Galati, Torrenova, S. Stefano di Camastra e Reitano. La dinamica dell’incontro prevede la celebrazione liturgica delle Lodi, l’insegnamento, la S. Messa, l’adorazione eucaristica per le vocazioni e, a conclusione per chi può rimanere, la partecipazione alla processione di S. Antonio di Padova.     

S. Antonio di Padova, il santo di tutto il mondo

Pubblicato il

13 giugno, S. Antonio di Padova, taumaturgo noto in tutto il mondo per la sua predicazione ed i numerosi miracoli, invocato per il ritrovamento delle cose perdute. È il santo di tutto il mondo e particolarmente degli orfani e del “pane dei poveri”. Buon operaio della messe, fu scelto da S. Annibale M. Di Francia quale celeste provveditore spirituale e materiale delle sue opere che da Lui si dicono “Antoniane”. Nella sua breve vita percorse uno straordinario itinerario di santità con l’eloquenza della parola, l’eroicità della virtù, l’amore all’Eucaristia, la devozione a Maria. Il suo nome evoca la sua missione di evangelizzatore fermo e deciso, che sferza i ricchi ed i corrotti, ed usa grande misericordia e benevolenza verso i peccatori pentiti. Un augurio particolare a tutti coloro che ne portano il nome, invocando la sua protezione ed il suo aiuto nelle necessità della vita e nel cammino di santificazione secondo il Vangelo di Gesù. P. Angelo Sardone.

Solennità del S. Cuore: giornata di santificazione sacerdotale

Pubblicato il

“Rogazionisti del Cuore di Gesù! Ho pensato quanto è bello il nome di Rogazionisti: significa preghiera e azione, rogatio, actio. La specifica del Cuore di Gesù corona tutto! Ecco un titolo che deve formare il nostro decoro, la nostra santa ambizione, il nostro onore…” (S. Annibale M. Di Francia). Nella annuale solennità del S. Cuore di Gesù titolare della Congregazione dei Rogazionisti e delle Suore Figlie del Divino Zelo, si celebra la Giornata Mondiale di Santificazione Sacerdotale. Si levi al Signore un inno di lode ed una preghiera supplice per i primi buoni operai della messe, i sacerdoti che costituscono, insieme con l’Eucaristia, il parto gemello del Cuore di Gesù.